Descrizione del progetto

Quello di Antonia Pozzi è uno dei casi letterari più rilevanti degli ultimi decenni.

La giovane poetessa milanese, nata il 13 febbraio 1912 e morta suicida a 26 anni senza aver mai pubblicato una sola poesia, è oggi ormai unanimemente riconosciuta una delle voci più alte della poesia italiana e lombarda del ’900.
Sebbene Antonia Pozzi si sia tolta la vita giovanissima ha lasciato più di trecento composizioni, estremamente originali per temi e linguaggio e, sul piano della fotografia, ha prodotto circa tremila immagini, ormai oggetto di interesse nella loro autonomia espressiva.
Del valore della Pozzi s’era già reso conto Eugenio Montale e da allora è stata oggetto di una straordinaria riscoperta sia in Italia sia all’estero, resa evidente dal susseguirsi continuo di scritti critici e tesi di laurea su di lei, e di traduzioni dei suoi versi in varie lingue.

Per conoscere di più su di lei:
http://www.antoniapozzi.it/

Alcuni articoli:
Malata di troppa vita
Sofferenti muse della poesia

Questo dipinto digitale intitolato “L’io violato” è dedicato a lei ed è nato dalla lettura di una sua poesia: “Pudore”.